Arte, Idee, Scenario

Dentro al racconto degli altri

21 Dic , 2016   Gallery

GuerrillaSpam

Avere una storia da raccontare è bello, è la cosa che ti salva come diceva un personaggio di Novecento, il monologo di Baricco: non sei realmente finito fino a che hai una storia da raccontare e qualcuno a cui raccontarla. A Siena abbiamo una Storia, maiuscola, da raccontare ed un potenziale mondiale di pubblico a cui raccontarla, a cui è necessario raccontarla, per far capire davvero chi siamo, quali siano le nostre tradizioni, il nostro passato e la nostra nobiltà. In fondo la Galleria del Palio nasce per questo, per raccontarci.

Ma vi dirò, io non sono d’accordo. Cioè, è bello raccontarsi ma non è più bello farci raccontare di noi stessi? Non è più formativo confrontarci con gli altri e capire loro, il mondo, cosa sa e cosa ha capito di Siena? Ci saranno tante cose sbagliate, che ci faranno arrabbiare, ma anche la consapevolezza che se il mondo di noi ha capito qualcosa è perché noi glielo abbiamo fatto capire. Come? Raccontandoci solo parzialmente, raccontandoci male o non facendolo affatto. Come ci vedono gli altri è un lavoro psicoanalitico che la città deve fare e che, in parte, sta facendo grazie alla leva dell’arte contemporanea all’interno del progetto #CantiereComune, curato da Michelina Eremita per il Comune di Siena, operatori indipendenti e cofinanziato dalla Regione Toscana. More…

  • Share on Tumblr
Condividi su:

Eventi, Idee, Scenario

Le dimensioni non contano

24 Nov , 2016  

Natale

È quasi dicembre. Rassegniamoci. Per quanto io sia tra quelli che preferirebbero di gran lunga evitare l’argomento e, anzi, saltare direttamente al 7  gennaio, pare che in questo nostro mondo civilizzato sia obbligatorio farci prendere dagli spasmi del Natale. E quindi sì, è quasi dicembre e allora fiato alle trombe, iniziamo febbrilmente a decantare il magnificente programma natalizio che ci attende. “La carica dei 350 eventi per vivere la città” è quanto promette il cartellone unico del Comune, promosso dall’assessorato al Turismo e finanziato da Banca Monte dei Paschi. Due mesi, fino al 31 gennaio 2017 (ma queste feste natalizie non duravano già abbastanza..?), settanta soggetti coinvolti e, appunto, 350 eventi tra musei, mercati, degustazioni, concerti, cori, itinerari e l’immancabile Francigena che è come il nero, sta bene su tutto.

More…

  • Share on Tumblr
Condividi su:

Idee, Scenario

Galleria del Palio: l’occasione che non possiamo perdere

8 Set , 2016  

image

C’è davvero bisogno a Siena di un Museo, anzi di una Galleria del Palio? Sì. Assolutamente sì. Definitivamente sì. Non ne siete convinti? Benissimo, allora giriamo la domanda. È normale che un visitatore che arriva a Siena – universalmente riconosciuta nel mondo come la ‘città del Palio’ – non abbia un luogo dove andare a chiedere, a scoprire, a informarsi, a conoscere il Palio stesso? No. Assolutamente no. Definitivamente no. Non è normale. More…

  • Share on Tumblr
Condividi su:

Idee, Scenario

Laurearsi nell’era dell’accesso

1 Lug , 2016  

unisi

La questione è antropologica, non di natura culturale. A limite si tratta di marketing istituzionale e non di altro. Non c’entrano nulla le tradizioni, ma le politiche di immagine necessarie ad una università nel mondo contemporaneo. Sto parlando della cerimonia dei laureati in piazza San Francesco, a Siena, il “Graduation Day” di pochi giorni fa. Chiaramente la città si è divisa, tutti hanno avuto un commento da fare ed in genere negativo, ma secondo me senza cogliere la vera essenza della questione, o del problema se di problema si tratta.

Innanzitutto, liberandoci subito da questo tema (che invece è stato buttato nella discussione da molti) non c’entra niente con le Feriae Matricularum, con i goliardi o con il goliardo. Nessuno vuole importare una tradizione a scapito di altre. Non mi pare che per il loro (anacronistico) maggio i Goliardi abbiamo avuto difficoltà rispetto al passato. Il loro copricapo poi è quello degli studenti, il “tocco” usato per la cerimonia di giugno rappresenta il passaggio della laurea, non più studenti ma dottori, non più goliardi quindi. Avrei voluto poi sentirli i commenti se avessero fatto indossare a tutti i laureati in piazza San Francesco il goliardo dell’Università degli Studi, allora sì che ci saremmo divertiti. More…

  • Share on Tumblr
Condividi su:

Arte, Eventi, Idee, Scenario

Sotto il vestito, niente

26 Giu , 2016  

renudo

Il drappellone di Tommaso Andreini è, non so quanto consapevolmente, il più chiaro specchio dei tempi contemporanei che Siena abbia avuto negli ultimi molti anni. Forse non è poi un paradosso che sia proprio un pittore senese ad incarnare così bene il presente vissuto dalla città e dalla Festa, bene come forse nessuno straniero, nessun artista collaudato, nessun pittore di fama o di esperienza avrebbe potuto incarnare. Andreini legge perfettamente il tempo attuale e lo trasporta sulla seta, regalando a Siena un Palio apprezzato dai contradaioli che in lui, d’altronde, si ritrovano e quindi si stringono a coorte.

More…

  • Share on Tumblr
Condividi su:

Idee, Scenario

I matti e il popolo

10 Giu , 2016  

11350645_391212074408371_3977778247754242006_n

Ovvero: il Padiglione Conolly e il governo della bellezza

Circa un anno fa si concludeva l’avventura di Siena e il suo doppio. Percorsi nel passato e letture del presente attorno a San Niccolò Città dei Matti, un seminario di teoria e critica della cultura che muoveva da una duplice congiuntura: la ricorrenza del quarantennale di Sorvegliare e punire, il celeberrimo volume di Michel Foucault dedicato alla nascita e allo sviluppo delle tecnologie di contenzione, e la presenza, nel cuore di Siena, di una delle cittadelle manicomiali più estese e significative d’Italia, corredata di uno dei rari esemplari europei ancora (più o meno) integri di Panopticon (Padiglione Conolly), il carcere criminale ideato dal giurista e architetto Jeremy Bentham alla fine del XVIII secolo e considerato da Foucault la matrice per eccellenza dell’ideale disciplinare.

L’incontro/scontro fra una riflessione teorica generale e la storia senese ha prodotto l’esperienza di ricerca più intensa della mia travagliata e precaria vita accademica. Due le figure locali che più di tutte hanno segnato la mia iniziazione: la storica della medicina e oggi assessore alla cultura Francesca Vannozzi, che ne ha minuziosamente ricostruito la storia e le cronache, e lo storico-testimone Gino Civitelli, More…

  • Share on Tumblr
Condividi su:

Arte, Idee, Scenario

Tutti bravi coi soldi degli altri

8 Giu , 2016  

tolomei

ovvero, breve riassunto di quello che (non) è successo a Siena grazie all’Art Bonus.

Quando il ministro Dario Franceschini lanciò l’Art Bonus (era il 2014) sembrava una soluzione geniale per combattere la sempiterna carenza di fondi pubblici e ministeriali da destinare allo smisurato patrimonio artistico nazionale e, al contempo, dare una buona chance di visibilità e marketing a tutte quelle aziende italiane dotate di gambe solide e voglia di farsi belle valorizzando la bellezza. Tutti ricordavamo, d’altronde, di quando Della Valle voleva finanziare il restauro del Colosseo ma non poteva a causa di cavilli e codicilli : alla fine ci riuscì (LEGGI) ma ancora oggi continua a raccontare la trafila che dovette affrontare tra burocrazie e uffici. Ecco qua, d’ora in poi sarà tutto più semplice. L’Italia non aspettava altro.

More…

  • Share on Tumblr
Condividi su:

Idee

Facciamo un macello!

1 Giu , 2016  

BP2013Lettieri

Dove si torna a fare una ricognizione di spazi e di riuso pubblico degli stessi

Cosa hanno in comune Milano, Pisa, Pistoia, Prato, Montepulciano, Certaldo, Bologna, Cesena, Russi, Ravenna, San Marino, Messina e chissà quante altre realtà territoriali più o meno grandi? Sono alcune delle città, le prime che mi sono venute in mente o che compaiono con una semplice ricerca su Google, che hanno messo in piedi un progetto di riuso a fini culturali e creativi dei loro ex macelli comunali.

More…

  • Share on Tumblr
Condividi su:

Idee, Scenario

La follia di aver dimenticato il Conolly

26 Mag , 2016  

S3

Fa male al cuore, vederlo lì, con la rete rossa dei cantieri che prova a sostenere il suo declino, a  imbrigliarne il  destino ormai segnato, quello di sfasciarsi pian piano e cadere giù a pezzi. Chiunque abbia varcato una sola volta il cancello del villaggio del San Niccolò, l’ex ospedale psichiatrico, non può non averlo notato: il Padiglione Conolly giace lì in mezzo, dove la collina inizia a degradare verso la valle dell’Orto dei Pecci. Affaccia su una strada che non si capisce bene se sia sotto la cura dell’Asl o dell’Università, le due istituzioni che negli anni si sono avvicendate alla gestione e guida di quell’area, poco più avanti inizia la zona privata dove una lottizzazione ha costruito begli appartamenti. Mi chiedo cosa provino gli abitanti di quelle case, ogni giorno e ogni sera passando davanti a quell’edificio così intriso di memoria – anche dolorosa memoria – eppure così abbandonato. Dimenticato, come nel più surreale dei paradossi.

More…

  • Share on Tumblr
Condividi su:

Eventi, Idee, Teatro

Lo stato di emergenza/lo status di emergente

16 Mag , 2016  

Spettacolo 9 Il minotauro 3

Dove si propone di bloccare il percorso da brillante promessa a solito stronzo

Un festival, una rete nazionale, un progetto che è nato a Siena e che coinvolge nomi, compagnie ed esperienze da tutta Italia. Abbiamo più volte sottolineato il momento di disorientamento che sta vivendo il mondo del teatro a Siena: spazi inadeguati, teatri sottoutilizzati, risorse inesistenti, ruolo dei tavoli, distanza dalle istituzioni regionali e cittadine. Adesso però siamo nel pieno della settimana di “Inbox dal Vivo” che la compagnia teatrale Straligut regala alla città come evento finale del loro progetto di concorso rivolto alle compagnie teatrale italiane. Noi abbiamo la possibilità di vedere i dieci finalisti selezionati tra i 451 spettacoli in gara; il premio (tributato da giurie di esperti e popolari) consiste in 50 repliche dello spettacolo assicurate all’interno della rete dei teatri Inbox (15 per il teatro ragazzi). Si parla di compagnie emergenti, di chi sta seguendo un percorso di crescita per emergere e diventare grande. More…

  • Share on Tumblr
Condividi su: