Teatro

Spettacolo dal vivo: otto domande (per tacer di altre tre)

10 Nov , 2014  

Teatro-Comunale-dei-Rinnovati---Siena

Dopo qualche mese ci ritroviamo ancora di fronte ad una lettera aperta alle istituzioni sulle questioni irrisolte dello spettacolo dal vivo a Siena.

Ma c’è una novità: stavolta a scriverla non è un collettivo di artisti, bensì una singola compagnia teatrale. Cosa è successo? Quelle rivalità da sempre indicate come una delle maggiori debolezze delle compagnie del teatro e della danza cittadine sono tornate a manifestarsi, dopo un apparente e brevissimo momento di concordia? Non lo so, non credo; sta di fatto che Straligut Teatro ha ritenuto opportuno muoversi individualmente, portando avanti una questione che li riguarda come “uno dei tanti esempi, forse il più stridente, della mancanza di trasparenza nella gestione delle risorse per le politiche culturali senesi”.

La questione individuale è l’azzeramento del contributo da parte della Regione Toscana rispetto al progetto In-Box (su cui potete informarvi qui), dovuto, secondo Straligut, alla latitanza del Comune di Siena.  More…

  • Share on Tumblr
Condividi su:

Eventi, Teatro

Stare in “Ombra”, per scelta

18 Giu , 2014  

Buratto1

Stare per diciotto anni dalla parte dell’”ombra” non è cosa da poco, riuscire a ripetere ogni anno con l’inizio dell’estate un’esperienza culturale ed artistica come quella del Festival Internazionale delle Ombre di Staggia Senese è un segnale di determinazione non comune, ma soprattutto significa avere alle spalle un processo artistico e una proposta culturale non scontata, mossa da bisogni positivi. In un’epoca in cui i peggiori si autodefiniscono artisti, io non posso che stare dalla parte di quegli operatori che ogni anno esaltano l’ombra, il teatro di ombre certo, ma anche la necessità di essere schivi, lontani, fuori dai riflettori sapendo di proporre una cultura che può essere definitiva “di nicchia” ma che potenzialmente parla a tutti. Il teatro (ed il festival di Staggia), sa che per non essere nicchia basterebbe essere davvero curiosi, ascoltare un po’ di più e parlare un po’ di meno. More…

  • Share on Tumblr
Condividi su:

Cinema, Danza, Eventi, Idee, Musica, Teatro

Non splende il sole sull’Estate Senese

16 Giu , 2014  

km0

PROLOGO

La deriva della cultura a chilometro zero ha prodotto un altro mostro: la cultura a costo zero. S’intende per cultura a costo zero un valore fasullo che viene dato a tutto ciò che è prodotto senza costi e di conseguenza senza ripagare né i costi del prodotto stesso né il lavoro di chi lo ha prodotto, ideato, realizzato.

Con questa premessa presentiamo il bando per l’Estate Senese che il Comune di Siena ha bandito nelle giornate passate (trovate l’avviso qui) ed ospitiamo una lettera aperta scritta e firmata da molti dei gruppi teatrali e compagnie di danza della città. Lo facciamo perché conferma quello che da settimane diciamo anche noi: a questa amministrazione manca la capacità di fare programmazione culturale e soprattutto ammette di non avere la volontà o la capacità di scegliere tra le proposte che dalla città giungono a Palazzo. Si lascia ad un bando pubblico (con punteggi ricalcati dai bandi regionali e ministeriali) la forza di fare programmazione, abdicando definitivamente al ruolo di ideatore delle politiche culturali cittadine.

La situazione, lo sapevamo, è complicata e all’orizzonte non vediamo molto di positivo per questo rilanciamo l’appello delle compagnie che unite prendono una posizione netta: la città è in cerca di una guida istituzionale, non di una lotteria.

More…

  • Share on Tumblr
Condividi su:

Eventi, Teatro

Il punto (interrogativo) sul teatro

16 Mar , 2014  

1966771_607475192674872_1144805348_n

C’è stato un tempo, neanche troppo lontano, in cui a Siena c’erano almeno quattro festival teatrali, tre festival e rassegne cinematografiche, spettacoli e produzioni teatrali singole, mostre e concorsi ed esposizioni. Fermandoci per adesso al mondo del teatro già negli ultimi due anni tre compagnie che prima organizzavano tre singoli eventi si sono unite ed hanno dato vita al Siena Festival, un mese circa di spettacoli e produzioni che nasceva dall’unione di Voci di Fonte, Teatro in scatola e Contemporaneamente Barocco. Oltre a loro c’era il piccolo Teatropia dei Topi Dalmata, dedicato al teatro d’innovazione e poi produzioni e spettacoli di Teatro2 e di Sobborghi, per fermarci ai professionisti.

Con la chiusura della Sala Lia Lapini abbiamo assistito anche all’estinzione di queste rassegne che pure non necessariamente erano ospitate esclusivamente in quell’orribile spazio fuori porta Pispini.

More…

  • Share on Tumblr
Condividi su: